Ischia, nel Golfo di Napoli, è l’ottava isola più bella del mondo

Ischia è l’ottava Isola più bella del mondo e la seconda più bella d’Europa (dopo Santorini) secondo Travel + Leisure (la community con più di 10 milioni di follower)

Sono stata nell’Isola di Ischia qualche giorno in questo agosto afoso, ho girato in bus, per le terme, per le spiagge, per sorgenti termali, ho ammirato i tramonti via terra e via mare.

Ho negli occhi i colori del mare e del sole.

Un paio di giorni dal rientro, la notizia del Terremoto a Casamicciola Terme, a pochi chilometri da Forio dove soggiornavo.

Scrivere questo post quindi non è mi è stato facile, ma Ischia merita davvero di essere descritta e vissuta, pertanto è giusto riportarvi la nostra esperienza spensierata in questa splendia isola.

L’isola ha una circonferenza di circa 39 km, una superfice di circa 47 kmq e circa 50.000 abitanti, residenti.

Ischia e’ l’isola piu grande nel Golfo di Napoli. E’ conosciuta anche come Isola Verde, probabilmente per il tufo verde tipico e abbondante sull’isola.

 COME RAGGIUNGERE ISCHIA

Ischia ha due porti principali, Ischia e Casamicciola a cui si aggiungno Forio, con aliscafo, Lacco e Sant’Angelo per imbarcazioni da diporto.

E’ ben collegata a Napoli e Pozzuoli, da traghetti e aliscafi che operano in vari orari, a seconda delle stagioni, ma che non viaggiano di notte.

E’ a circa 20 minuti di traghetto da Procida, altra isola assolutamente da non perdere se siete in vacanza da queste parti.

Di Ischia abbiamo scritto molto, per approfondimenti, consultare i relativi post: Dove dormire, cosa fare, dove mangiare, le spiagge da non perdere.

PERCHE’ ISCHIA

Per i suoi tramonti, sicuramente.

Per le spiagge, per le acque termali, per la cordialità degli abitanti, per i numerosi paesaggi da vedere cosi diversi tra loro e cosi unici.

Le spiagge piu belle sono sicuramente quelle di Citara, nella zona di Forio e dei Maronti vicino a Castel Sant’Angelo, anch’esso stesso un gioiellino, un tempo borgo di pescatori, collegato alla terraferma ferma da un istmo dove troneggia sul mare una penisoletta detta “Torre di S. Angelo”.

 

 COME MUOVERSI

C’è una sola compagnia di trasporto, la EAVBUS che collega praticamente tutta l’isola con orari frequenti.

 

… a parte il periodo di ferragosto dove la gente è veramente tanta : ti metti li e aspetti il bus, prima o poi arriverà. Dicono che sia solo in alta stagione, non saprei dirvi in altri periodi come funziona realmente.

A volte la fermata non è indicata, ti accorgi dov’è dalla gente che aspetta… è sicuramente una cosa curiosa: se chiedi dov’è la fermata, ti indicano un punto dove aspettare e tu aspetti insieme ad altre persone ed effettivamente il bus si ferma.

Se chiedi un’indicazione all’autista, può essere che ti racconti la storia di tutta l’isola, con la loro tipica cordialità.

Il costo del biglietto varia da zona a zona, i biglietti possono essere acquistati a bordo con supplemento o in edicola o tabacchi.

E’ possibile spostarsi in auto propria (ci sono divieti però per le auto campane o  i residenti in Campania) oppure noleggiare un auto.

COSA VEDERE

I tramonti! Le spiagge, le terme, i giardini Posedidon.

Girare per le cittadine di Forio, Ischia Porto, Casamicciola e Lacco Ameno.

Il Castello Aragonese

 

 

 

 

 

Il “Castello Aragonese” e’ uno dei più antichi e caratteristici castelli d’Italia, eretto su di un isolotto di roccia vulcanica nei pressi della costa di quella che oggi e’ “Ischia Ponte.

Alto 115 metri, è stato costruito nel 400 a.c. : è collegato alla terraferma da un ponte, che prima era in legno poi è stato ricostruito in pietra.

E’ davvero suggestivo e si può visitare tutti i giorni dalle 9:00 al tramonto, con in gresso a pagamento.

 

A breve distanza a piedi, la passeggiata in paese e la spiaggia libera e attrezzata.

 

La sera Ischia diventa un susseguirsi di locali dove fare aperitivo, mangiare e passeggiare fino a tarda notte.

Ischia, l’isola verde che ti ruba l’anima.

TravelFeliz

Agente di Viaggio in un tour operator e Travel Blogger: due professioni che si compensano, due obiettivi diversi. Lavorare con i viaggi e raccontare le esperienze ❣️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *