Il sultanato dell’Oman, la meta emergente che ti conquisterà!

Tag:

Con gli amici di Rolling Pandas abbiamo parlato di Oman, la meta emergente molto amata dagli italiani.

Perché Oman?

Il sultanato dell’ Oman è una meta emergente, che attrae molta curiosità nel pubblico e muove il turismo di tutto il mondo.

Ogni periodo dell’anno è buono per andare in Oman: spiagge quando fa caldo nel deserto e montagne fino a 3.000 metri quando piove al mare.

Neanche la stagione dei monsoni ferma quindi il turismo.

Il mercato italiano è  il terzo per nazionalità e gli italiani ne sono innamorati per l’aspetto anche genuino.

Quali sono le tappe must in un itinerario in questo paese? 🙂

Se si prevedono pochi giorni, consiglio di non perdersi queste tappe.

♦ Muscat , la sua grande Moschea, con lampadario Swaroski e il Palazzo reale

♦ Wadi Bani Khalid, con le piantagioni di datteri e le piscine fresche dove tuffarsi fino al deserto di Wahiba, con dune fino a 200 km di lunghezza

♦ Sur e la  fabbrica di dhow,  le tipiche imbarcazioni in legno

♦ Wadi Tiwi, una spettacolare gola stretta e profonda scavata tra le montagne, che corre tra alte scogliere fino al mare

♦ Wadi Shab: questo wadi si differenzia tra gli altri per l’ambiente unico dell’acqua dolce che precipita dalla cima delle montagne e si tuffa nell’acqua salmastra sulle sue rive,

♦ Sosta a Bimah Sinkhole, una profonda depressione naturale piena d’acqua.  La gente del posto dice che una meteora è caduta in questo punto, causando la depressione naturale e formando un piccolo lago.


I consigli di TravelFeliz

*************************

Segui il profumo dell’incenso e della mirra e innamorati del leggendario Paese di Sindbad, il marinaio: i deserti si intersecano armoniosamente con oasi rigogliose, le alte montagne si alternano perfettamente con l’oceano, villaggi e fortezze antichi si intervallano con città eleganti e fiorenti.

Parti per una vacanza in Oman con Rolling Pandas! “Clicca qui e scopri le offerte per i viaggi in Oman”

**************************

Se vuoi leggere l’intera intervista, la trovi Qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *